home18.jpg

Oltre l'Adriatico

I Balcani producono più storia di quanta ne possano digerire.
[ Winston Churchill ]

  • IL PAESE DI FRONTE E QUELLO CHE NON C'ERA (Albania e Kosovo)

    Con colpevole ritardo abbiamo deciso di ricambiare la visita ai nostri dirimpettai albanesi, che da più di vent'anni ci sopportano qui in Puglia. Con questo degno proposito ci rechiamo all'aeroporto di Bari in una soleggiata mattina di agosto: il volo Belle Air Bari-Tirana dura soltanto 50 minuti, le procedure di imbarco sono velocissime e il personale del minuscolo velivolo parla anche italiano.

  • ISONZO A COLORI (Slovenia)

    Il fiume Soča nasce in Val Trenta, nelle Alpi Giulie slovene. Prima di fare il suo ingresso in Italia e prendere il nome di Isonzo, lambisce sinuosamente le città di Bovec, Kobarid e Tolmin. La sua 'bellezza di smeraldo' oggi fa da vivace scenario ad attività come il kayak, il rafting, il trekking, mentre un tempo era lo sfondo in bianco e nero di uno dei più terribili carnai che il nostro giovane Paese avesse conosciuto. Guardando le foto dell'epoca, è davvero difficile immaginare quanto siano spettacolari i suoi colori tra il verde e il turchese, l'ultima cosa che molti soldati dell'esercito regio avevano guardato prima di morire. 

  • NEL CUORE DEI BALCANI (Bosnia-Erzegovina)

    Durante l'estate la compagnia aerea Mistral Air, del gruppo Poste Italiane, effettua ogni settimana un volo da Bari a Mostar, con cui intere famiglie numerose pugliesi e lucane si recano con entusiasmo in pellegrinaggio a Međugorje. Devo dunque ringraziare i fan delle apparizioni della Madonna se posso raggiungere la Bosnia in meno di un'ora, invece di trascorrere una lunga notte nel traghetto per Dubrovnik.