home8.jpg
  • Categoria: Grecia

#iorestoacreta

Ripartire con stile

luglio 2020

10 ottime ragioni per visitare Creta nell'estate 2020

1) Voli
I voli diretti dall’Italia costano così poco che si rischia di spendere di più per andare a Rosa Marina (per i non baresi: località turistica distante un’ottantina di km dal capoluogo). Inoltre i passeggeri sono pochi, sull’aereo non viene erogato alcun servizio di bordo supplementare e per andare in bagno bisogna chiedere il permesso alla hostess, insomma la paura del contagio non ha molta ragione di esistere.

2) Pochi turisti
Si possono vedere bellissimi paesaggi montuosi, centri storici affascinanti e alcune delle spiagge più belle d’Europa (o addirittura del mondo) senza il consueto sovraffollamento. Trovarsi in certi luoghi di Creta semideserti non ha prezzo. E se lo ha, è basso!

3) Prezzi onesti
Perfino nei luoghi più isolati e difficilmente raggiungibili i prezzi per i servizi turistici sono super onesti.
Fornisco qualche esempio: due lettini e un ombrellone nella laguna di Balos o ad Elafonissi costano appena 10 euro; i prezzi di bevande e panini al baretto di Balos sono più bassi che in un qualunque bar italiano e bisogna tenere presente che è l’unico esercizio commerciale presente in questa spettacolare laguna a cui si accede dopo chilometri di sterrato e una lunga discesa a piedi sotto il sole; nella spiaggia Glyka nera (raggiungibile solo in barca o con il trekking) c’è un’unica taverna dove ad esempio un piatto (squisito) di sardine grigliate costa 7 euro.

4) Clima
Il clima è perfetto: cielo azzurro e sole costante, ma perennemente ventilato, dunque con temperature mai superiori ai trenta gradi e serate piacevolmente fresche.

5) Popolo
I cretesi sono ospitali e cordiali, ma non invadenti. Tranne gli autisti degli autobus naturalmente, che o sono piuttosto suscettibili e urlano come dei dannati oppure ti tengono in ostaggio per chiacchierare rischiando di farti perdere l’aereo.

6) Cibo e bevande
Si mangia benissimo praticamente ovunque e inoltre alla fine del pasto ti omaggiano sempre di un bel piatto di frutta succosa e/o di dolce, oltre alla classica bottiglietta di raki. Alcuni ti offrono pure l’aperitivo, mentre se ti siedi per un caffè o altra bevanda ti portano una bottiglia di acqua ghiacciata e biscotti o salatini. Se sei da sola al ristorante, potresti ricevere (oltre alla bottiglia di raki offerta dal titolare) altre tre bottiglie offerte da avventori seduti ad altri tavoli.

7) Pochi contagi Covid
La Grecia non ha riscontrato molti contagi da Covid e i morti sono stati meno di duecento dall’inizio della pandemia. Il governo infatti ha attivato delle misure di contenimento subito dopo la prima vittima e poco dopo ha messo la popolazione in lockdown - tra l’altro avvisando tutti i cittadini con un SMS notturno.

8) Tamponi a campione
In vista della stagione turistica, dal primo luglio il governo greco ha predisposto un modulo da compilare online; ad ogni visitatore straniero dunque viene inviato un QR-code in base al quale vengono effettuati tamponi a campione. Nel caso in cui uno venga sorteggiato, la procedura è molto rapida e al turista viene semplicemente consigliato di non avere contatti ravvicinati con altre persone nelle successive 24 ore. Solo se dovesse risultare positivo viene contattato e messo in quarantena a spese del governo greco.

9) Rispetto misure anti-Covid
Il distanziamento sociale viene in generale rispettato e sono abbastanza attenti con le pratiche di igienizzazione negli hotel, ristoranti, bar, spiagge eccetera. Da sabato 18 luglio è stato introdotto l’obbligo di indossare la mascherina per entrare nei luoghi chiusi, cosa che fino ad allora non era mai stata considerata necessaria visto il bassissimo indice di contagi.

10) Alloggi
Nelle strutture ricettive come hotel, b&b, appartamenti eccetera c’è un sacco di disponibilità, quindi non è necessario prenotare. Di conseguenza i prezzi restano molto accessibili e soprattutto si può trovare posto in strutture dove normalmente se non si prenota con mesi di anticipo non si trova mai una camera. Ad esempio una coppia di francesi, abituali frequentatori di Creta, per la prima volta dopo anni ha trovato una stanza libera all’hotel Porto Loutro.

Con l'augurio ai cretesi di risollevarsi nel più breve tempo possibile e con l'invito agli italiani a seguire il mio esempio, ringraziando anche alcuni imprenditori del turismo pugliese che in questa stagione di ripartenza stanno dando i numeri, puntando tutto sull'esclusività... Buone vacanze.